MAL UN MUTA PER EFFECTO

Deliziosa canzone di Marchetto Cara (probabilmente scritta nel 1507) compositore di Mantova alla corte dei Gonzaga.                                                   Questa introduce un nuovo genere musicale alla fine del XV° secolo: la “Frottola”, canzone di stile popolare che divenne predominante in Italia in quel periodo. L’opera è scritta per quattro parti, a volte scattate da quattro cantanti, a volte da un cantante e strumenti. Il testo è in stile neo-classico, sul tema “non si può veramente cambiare la propria natura. ”                           E ‘costellata di esempi, come “anche una sella decorata incatena un bel cavallo “,” un maiale rimane in porcile “, “un asino non può diventare cavallo” e conduce fino alla cantante che dichiara amore costante per un crudele amata.                                                                                                                                  La melodia e il ritmo sono affascinanti e perfettamente adatto al testo semi-seria.