11 e 12 GIUGNO 2016 – FESTE MEDIEVALI DI AFFI (VR)

Il Borgo Antico di Affi si apre agli sguardi del turista attento e curioso di riscoprire gli angoli nascosti e intrisi di storia rurale che ancora vive grazie alla sua gente che con passione nel tempo ha dato vita ad una rievocazione storica che vanta il primato tra i piccoli borghi dell'entroterra Baldo-Garda. Tale borgo si inerpica dolcemente ai piedi del caratteristico promontorio "Monte Moscal" sul quale si ergeva l'eremo medioevale di Sant'Andrea del 1200. Le vie e le corti sono tipiche di un borgo rurale abitato principalmente dai mezzadri dei proprietari terrieri del comune di Affius. Le case una dopo l'altra, legate tra loro come gli stessi abitanti, creano di tanto in tanto dei piccoli angoli aperti come dei salotti per stare insieme a chiacchierare. Le corti come piccoli scrigni da aprire, fanno scoprire le particolarita' degli edifici o le viuzze come dei nastri che su e giu' ti conducono tutto intorno, dentro e fuori come in un gioco da bambini. Nei giorni di Festa il Borgo antico di Affi prende vita e come in un set ispirato a tempi medioevali le vie si riempiono di bancherelle, mercanti, figuranti, artisti di strada, musici e ballerini, osti e artigiani, cavalieri e dame, arcieri e cavalli; un brulicare di gente, un sapore e un profumo di altri tempi e tutti si sentono protagonisti.

Il Borgo Antico di Affi si apre agli sguardi del turista attento e curioso di riscoprire gli angoli nascosti e intrisi di storia rurale che ancora vive grazie alla sua gente che con passione nel tempo ha dato vita ad una rievocazione storica che vanta il primato tra i piccoli borghi dell’entroterra Baldo-Garda.

Tale borgo si inerpica dolcemente ai piedi del caratteristico promontorio “Monte Moscal” sul quale si ergeva l’eremo medioevale di Sant’Andrea del 1200.
Le vie e le corti sono tipiche di un borgo rurale abitato principalmente dai mezzadri dei proprietari terrieri del comune di Affius.
Le case una dopo l’altra, legate tra loro come gli stessi abitanti, creano di tanto in tanto dei piccoli angoli aperti come dei salotti per stare insieme a chiacchierare.
Le corti come piccoli scrigni da aprire, fanno scoprire le particolarita’ degli edifici o le viuzze come dei nastri che su e giu’ ti conducono tutto intorno, dentro e fuori come in un gioco da bambini.
Nei giorni di Festa il Borgo antico di Affi prende vita e come in un set ispirato a tempi medioevali le vie si riempiono di bancherelle, mercanti, figuranti, artisti di strada, musici e ballerini, osti e artigiani, cavalieri e dame, arcieri e cavalli; un brulicare di gente, un sapore e un profumo di altri tempi e tutti si sentono protagonisti.

001-001 001-003 001-004 002-001 002-002 002-003 002-004